Servizio di trasporto e accompagnamento sociale

Il servizio di accompagnamento di persone in difficoltà presso luoghi di cura, strutture riabilitative, ospedali e strutture sanitarie in genere, svolto da volontari, rappresenta, per Carate, l’ ennesima tangibile dimostrazione della collaudata capacità di offrirsi gratuitamente, con amore ed umiltà, per un quotidiano impegno di  primaria importanza.

Dopo più di sei anni dalla sua istituzione, ci permettiamo suggerire l’ opportunità  di rivedere la sua organizzazione alla luce dell’ esperienza vissuta e della necessità di offrire un servizio in linea con le nuove realtà caratesi.

L’ ufficio comunale competente deve soprattutto svolgere, con adeguata autorevolezza, il compito di creare sinergie fra tutte le associazioni caratesi che direttamente o indirettamente si interessano del servizio in questione, cercando di delegare ai volontari l’ intera gestione del servizio, garantendo però un attento controllo sull’ efficacia ed efficienza e sul rispetto rigoroso delle regole.

Concretamente:

1) in Carate attualmente, in collaborazione con l’ amministrazione comunale, opera l’ associazione di volontariato Avulss (auto amica); da circa due anni, opera anche l’ Auser (filo d’ argento) direttamente gestita dalla sede di Monza.

Le due strutture agiscono separatamente con modalità operative e costi di gestione molto diverse.

La nuova amministrazione ha il dovere di favorire incontri costruttivi fra le due associazioni  al fine di costruire, con l’ indispensabile contributo dei collaudati operatori locali, un servizio a costi più contenuti per le casse comunali e, soprattutto, più efficienti per i sempre più numerosi utenti.

2) - Stabilite chiare regole di coesistenza e di collaborazione fra le due benemerite associazioni sarà opportuno affidare ai volontari caratesi lo studio di una organica proposta di modalità operative per il quotidiano servizio modellato sulle esigenze della nostra comunità.

In particolare, sulla base del numero e la qualità dei mezzi a disposizione, si dovranno definire:

  • -la tipologia dei servizi da mettere a disposizione suddividendoli in base alle caratteristiche dei mezzi di trasporto;
  • le modalità di esecuzione delle singole prenotazioni individuando il personale preposto a tale incarico possibilmente tra i volontari al fine anche di ridurre i costi;
  • le eventuali tariffe da applicare tenendo conto del tipo di servizio richiesto, del percorso, della situazione socio-economica dell’ assistito ed altre particolarità considerate importanti  dall’ esperienza degli attuali addetti;
  • una logistica in grado di sfruttare con intelligenza i tempi morti, i particolari servizi verso le case di cura ecc;
  • l’ organizzazione di periodici corsi di formazione professionale atti a preparare i nuovi volontari , a migliorare e aggiornare le conoscenze dei singoli operatori;
  • la capillare pubblicità dell’ intero servizio e delle sue modalità operative indispensabile per far conoscere a tutta la cittadinanza l’ esistenza del servizio, l’ accurata assistenza ,la garantita sicurezza, la facilità di prenotazione e l’ assoluta convenienza economica.

 

Concludiamo precisando  che le nostre proposte   vogliono essere una semplice indicazione di massima con una unica pretesa condivisibile da tutti:

Dare la certezza a tutti i nostri concittadini, particolarmente ai bisognosi di assistenza, di avere a disposizione i nostri  “ANGELI VOLONTARI” pronti a servirli con amore.